Kirihito

A cura di Spaced Jazz



Titolo Originale: Kirihito Sanka

Edizione italiana: Kirihito, Hazard -completa
4 volumi, 2006-2007, 10 euro; 224 pp.

Edizione originale: 1970, Daitosha, 3 volumi.

 




"Kirihito Osanai è un giovane medico, alle prese con una strana e misteriosa malattia che colpisce gli abitanti di Inugamisawa - un piccolo e sperduto villaggio di montagna - e il cui decorso modifica i lineamenti degli ammalati, rendendoli simili a cani o a procioni.

Gli abitanti del villaggio, terrorizzati, sono persuasi che sul villaggio regni la maledizione di Monmo, uno spirito dalle sembianze canine, e chiamano la malattia morbo di Monmo; le autorità mediche sostengono ch'essa è dovuta a un virus che non si è diffuso al di fuori del villaggio a causa del suo isolamento; l'ipotesi di Kirihito è che si tratti di una endemia prodotta da agenti ambientali da indagare sul posto, e a tal scopo vi si reca. Così comincia il suo dramma umano che espone a tutti i mali della società: razzismo, vizio, arrivismo..." (dal sito della casa editrice Hazard).

Kirihito, miniserie di Tezuka in 4 volumi davvero interessante, che si colloca nel filone maturo, drammatico e crudo già visto in altre due opere brevi giunte da noi come MW e Ayako. Nel primo volume accade già molto, e la trama inizia a prendere una svolta da "odissea" sociale (nell'editoriale, riportano che lo stesso Tezuka disse di essere andato oltre le intenzioni iniziali) con una visione lucida e spietata delle pieghe dell'animo umano. Da notare che, come Budda (la serie) aveva evidenti ispirazioni, qui in Kirihito si notano diverse citazioni cristiane (vedi la suora e il Golgota).

Altra cosa molto interessante è rappresentata dallo stile grafico e narrativo rapportato all'"evoluzione" tezukiana. Vignette in negativo, tavole a spirale, incubi metafisici, crudezza delle scene (alcune particolarmente forti) e contenuti marcatamente seinen dimostrano l'appartenenza di questo manga al filone maturo di Tezuka... Ora, essendo la serie del 1970 (poi raccolta nel 1974 in 3 volumi per Daitosha), dovrebbe essere anche la più vecchia che ho letto ad avere queste caratteristiche già nettamente definite.

L'edizione è la solita Hazard, ben fatta e rilegata a filo ma dal prezzo di 10 Euro; cifra non certo economica ma che deve fare i conti con un "bacino di utenza" non certo vastissimo. E questo è un peccato. Perché tutta la serie in fondo costa 40 Euro, come una decina di volumi della solita jumpata. Ma tra le due cose c'è una certa differenza.
Tutte le immagini sono di proprietà di Tezuka Production © Tezuka Production